giovedì, Giugno 13, 2024
Clicca per le ultime novità del Baluardo d'Inverno!
HomeNewsSummit dei superconsulenti lungo l'argine crollato

Summit dei superconsulenti lungo l’argine crollato

superconsulentiI tre super consulenti della Procura di nuovo in via Argine Destro. Un altro sopralluogo sull’argine del Carrione crollato il 5 novembre scorso; forse l’ultimo prima di stendere la relazione che dovrebbe finire sul tavolo del procuratore Aldo Giubilaro entro il 18 gennaio. Fra meno di due settimane. I tecnici nominati dalla Procura, gli ingegneri Andrea Biagiotti e Giovanni Menduni e Alessandro Ghinelli (l’ingegnere fiorentino docente presso la facoltà di ingegneria dell’Università di Firenze, che è tra i tecnici toscani che hanno contribuito a realizzare il progetto per ricostruire Castelnuovo di San Pio delle Camere in Abruzzo completamente distrutto) che ha sostituito l’ingegner Raffaello Bartelletti dopo la rinuncia al mandato.
I periti della Procura si sono dati appuntamento sull’argine crollato e hanno percorso in lungo e in largo il tratto di strada dove è avvenuto il disastro che ha mandato sott’acqua Marina di Carrara.
Una visita accurata, una serie di elementi acquisiti per quella relazione destinata a segnare un punto fermo nell’indagine. Perché il quesito della procura, riguarda proprio le cause del crollo. E, non si limita al pezzo di muro (quei 114 metri) che si è sbriciolato sotto la pressione della piena del fiume, ma riguarda tutto l’asse del Carrione, dai monti al mare. I consulenti hanno portato avanti le loro verifiche, e continuato i sopralluoghi ad ampio raggio. E, prima di arrivare alla stesura finale di un lavoro certosino che ha passato al setaccio l’intero territorio, è stato ritenuto necessario un nuovo punto della situazione e anche un nuovo sopralluogo in via Argine Destro. Una verifica importante anche per l’ingegner Ghinelli che non ha partecipato ai precedenti sopralluoghi. Ma questo, da quanto trapela dalla Procura, non dovrebbe interferire con i tempi della relazione. E sulla chiusura dell’indagine stessa fissata per la fine del mese di gennaio.
E, proprio per quel che riguarda l’indagine sul fascicolo per disastro colposo sono finiti i nomi di due iscritti al registro degli indagati: sono gli ingegneri del Carrione. Franco Del Mancino, che che ha firmato il progetto per la messa in sicurezza degli argini, anche di quello crollato, e il dirigente ai Lavori Pubblici della Provincia, Stefano Michela. Il progetto iniziale dell’argine sul Carrione è stato curato dall’ingegner Franco Del Mancino che ha assunto anche la direzione dei lavori ed era il responsabile alla sicurezza del cantiere. E il dirigente, in Provincia, della difesa del suolo, l’ingegner Stefano Michela, il professionista a cui erano arrivate le segnalazioni sulle falle nel muro poi crollato. Adesso, dopo il sopralluogo, i tecnici continuano il loro lavoro. In attesa di una svolta per l’indagine.

Leggi l’articolo: Il Tirreno

Assemblea permanente Carrara
Assemblea permanente Carrara
Informazione, approfondimenti, e tutte le attività della cittadinanza riunita in Assemblea Permanente. Sempre e per sempre a difesa della città.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments