Un anno fa calava il sipario sulla Croce verde: il bilancio

0
1011

Si condivide con la cittadinanza questo articolo uscito oggi mercoledì 21 settembre 2016 su “La Nazione”, al quale seguiranno nuovi approfondimenti su questo sito, riguardo questa triste vicenda.


LA NAZIONE – Un anno fa chiudeva la SVS Croce verde Fossola. Ecco cosa è successo in questi mesi che hanno segnato il prima e il poi di una triste pagina dell’associazionismo cittadino. La SVS venne chiusa il 21 settembre 2015 dopo una drammatica assemblea dei soci costretti, loro malgrado, a dover decretare la chiusura della propria associazione a causa della pesante situazione debitoria che negli anni, complici anche delle gestioni discutibili (delle quali si è parlato abbondantemente qui, ndr), non era stata risolta. Nel silenzio generale, la Croce verde è stata “rilevata” dalla Pubblica assistenza, la quale, oltre ad un conseguente ampliamento dei servizi, si è assunta l’impegno di garantire l’assorbimento di quei lavoratori rimasti che da un anno ormai percepiscono l’indennità di disoccupazione.

I MEZZI e la sede di Fossola sono stati recuperati: prima le due ambulanze della ex-Croce verde, frutto di due distinte donazioni, poi, dopo lunga trattativa, l’ambulanza pediatrica della srl omonima (l’unica ad aver conservato la carrozzeria a scacchiera per espresso volere della famiglia che l’ha donata), così come l’automedica.

IL NERVO scoperto, allo stato attuale, rimane dunque quello sul futuro lavorativo degli ex-dipendenti, un percorso difficile in cui i vari delegati si stanno adoperando per trovare in tempi brevi una soluzione più democratica possibile, con l’auspicabile aiuto di tutte le forze in gioco. Il nome Croce verde purtroppo non esiste più, ma il poter riutilizzare le ambulanze e la vecchia sede ha risollevato in parte gli animi di vecchi e nuovi volontari, un gruppo dei quali, per ricordare la Verde, ha anche dedicato il nome di un progetto sui defibrillatori a due amici e volontari dell’ex-associazione e ha soprattutto ridato vita a Renzo Fruendi, uno dei soci fondatori della SVS, un fedele guardiano del faro che da sempre vigila sulla sede di Fossola.
AM