VERBALE DI ASSEMBLEA 06/01/2015

0
264

L’assemblea riunitasi presso la sala di rappresentanza del comune ha deliberato e dibattuto sul seguente ordine del giorno:

Introduzione:

Comunicazione sullo spostamento assemblea in calendario Giovedì o8, la suddetta verrà effettuata Venerdì 09 Gennaio alle ore 18:00

Comunicazione da Parte di Secci, su la richiesta da lui ricevuta da parte di Ragoni al fine di poter avere un incontro con una delegazione dell’Assemblea.

L’assemblea si esprime positivamente su un incontro con il presidente del consiglio che dovrà però essere effettuato in sala di rappresentanza con la partecipazione di tutta l’Assemblea.

Si delega lo stesso Secci di comunicare le modalità decise dal Presidio.

Ordine del giorno:

  1. Discussione sulla posizione dell’Assemblea Permanente in merito ai consigli cittadini.
  2. Continuo della discussione sulle modalità di proseguimento del Presidio iniziata e verbalizzata nella precedente assemblea.

Inizio Assemblea Ore 18:30

  1. Il gruppo Partecipazione illustra il regolamento comunale sulla formazione dei consigli cittadini, sono stati letti alcuni dei suoi punti fondamentali in merito ad organizzazione interna, funzioni e sul ruolo consultivo “e non vincolante” della legiferazione del consiglio comunale. Si rimanda infine alla lettura del documento per approfondirne la sua conoscenza e divulgazione, il documento sarà reso disponibile per la consultazione sia in sala di rappresentanza sia sulle piattaforme on line.

Il rappresentante del gruppo, chiede ai cittadini riuniti in sala di rappresentanza se tate strumento sia d’interesse o meno, riconoscendone la blanda natura partecipativa, ma essendo la partecipazione, un processo lungo esso può divenire un primo passo per ampliare il percorso nel tempo.

In fase di discussione su quale sia una concreta posizione in merito l’Assemblea, espone quali siano i dubbi principali sia dell’organo di consiglio sia del documento stesso. Innanzitutto la principale problematica emersa riguarda le tempistiche, le scadenze per presentare le candidature sono realmente strette e il discorso richiederà del tempo per essere sviscerato a pieno.

Un’altra questione sono le candidature e sull’atteggiamento dell’assemblea, ancora sulle forme con le quali l’assemblea si possa affacciare a questa esperienza. Più pareri pensano che sia necessario che l’assemblea rimanga slegata da tutto, e che se partecipanti al Presidio intendono intraprendere tale percorso sarà di loro iniziativa, ma l’assemblea dovrebbe rimanere un osservatorio esterno.

Viene anche proposto di chiedere se le imminenti scadenze vengano posticipate.

Completamente dalla parte opposta vanno altri interventi che vedono la formazione di un consiglio cittadino una cosa inutile in quanto all’interno del suo regolamento i cittadini non hanno nessuna reale possibilità di partecipare attivamente, e che la sua instaurazione riporterebbe la città ad una ripartizione del territorio in zone dove ognuno guarderà al suo singolo pezzettino.

Inoltre emerge, da un intervento, quanto inutile sia stato in passato lo strumento consultivo.

E’ anche posta l’attenzione sulla natura del documento, esso è rivolto alla cittadinanza e non direttamente all’Assemblea quindi non dovrebbe neanche essere preso in esame dal Presidio.

Importante per alcuni però, è capire come porsi in un contesto generale della cosa, in quanto avendo fatto richiesta di strumenti di partecipazione ed, essendo anche nel suo piccolo, tale consiglio una forma partecipativa fare finta di nulla potrebbe essere contro producente quindi sarebbe opportuno porre in un qual modo l’attenzione sul consiglio cittadino.

Alle ore 20:00 viene sciolta l’Assemblea, senza la discussione del punto 2 in ODG, esso verrà affrontato come punto primo nella prossima riunione.

Sono informati i partecipanti che l’ordine del giorno della prossima assemblea sarà il seguente:

  1. Continuo della discussione sulle modalità di proseguimento del Presidio.
  2. Continuo della discussione sul Consigli Cittadino.

Carrara 06/01/2015

Commenti